In Groenlandia l’arte del Carnevale di Viareggio

L’arte del Carnevale di Viareggio in Groenlandia per lanciare un forte messaggio di allarme contro lo scioglimento dei ghiacciai. A realizzare il grande orso polare in cartapesta, protagonista di un tour nell’isola del nord Atlantico, è la famiglia Lebigre e Roger, da anni impegnata nella costruzione di opere allegoriche per il Carnevale di Viareggio e che vanta prestigiose collaborazioni artistiche in tutto il mondo.

Corinne Roger, Elodie, Sebastian e Benjamin Lebigre, insieme agli studenti dell’Università della Groenlandia SPS e KTI e con l’Università danese VIA, corso di studi in Pedagogia, sono stati i protagonisti del Festival Nannup Nukinga Nukivut, che si è svolto in questi giorni. Una manifestazione che ha affrontato tematiche legate alla cultura, al sociale e alle emergenze climatiche, raccontate attraverso spettacoli, che hanno visto insieme studenti e istituzioni del luogo impegnate nel sociale, coordinati dalla famiglia Lebigre e Roger.

Al centro del tour: l’esibizione del grande orso polare, alto otto metri, dotato di movimenti, realizzato con la tecnica della cartapesta, proprio come i carri del Carnevale di Viareggio. Accanto ad esso sessantacinque figuranti hanno indossato maschere a tema, dieci hanno interpretato Tubilac, figure spirituali della tradizione groenlandese e altrettanti dei pesci.

Il tour non è che l’ultima tappa di un percorso iniziato tre anni fa e che ha visto gli artisti del Carnevale di Viareggio lavorare con studenti e istituzioni danesi per realizzare il grande Nukinga bianco, che i più importanti centri urbani della Groenlandia hanno accolto tra l’entusiasmo del pubblico.

Previous Article
Next Article