Torna il vessillo del buonumore

Dopo 15.000 bandiere distribuite negli ultimi due anni, ci si sarebbe potuti aspettare un anno di riposo per la Burlamacca, ma le richieste sono state tantissime e non potevano essere ignorate.

C’era chi se l’era fatta sfuggire i due anni precedenti, c’era chi già l’aveva ma ne desiderava altre, chi voleva sostituire quelle che aveva intensamente utilizzato per due anni.

Pertanto, sono di nuovo disponibili le mitiche Burlamacche nei tradizionali tre formati:

  • bandiera grande, il formato di culto (offerta di 5,00 euro);
  • bandiera piccola, maneggevole e versatile (offerta di 2,50 euro);
  • bandiera per auto, con speciale supporto per addobbare i vostri veicoli (offerta di 5,00 euro).

E come da tradizione, anche quest’anno il ricavato dalla distribuzione, detratti i costi di produzione, sarà donato in beneficenza.

Dopo il gruppo “Amici Insieme“, attivo nell’assistenza ai diversamente abili (nel 2006), e l’associazione “Piccole Stelle” per l’acquisto di un macchinario di supporto ai nati prematuri (nel 2007), quest’anno l’obbiettivo è, se possibile, ancora più ambizioso.

Si tratta, infatti, di un doppio obiettivo: una parte del ricavato sarà donato all’associazione “Croce Verde” di Viareggio per l’acquisto di un macchinario autotrasportabile per la rianimazione mentre l’altra parte sarà donata a “L’Uovo di Colombo“, associazione onlus che si occupa dell’inclusione sociale di persone svantaggiate (salute mentale, handicap e tossicodipendenze).

Le bandiere sono in distribuzione, attualmente, nei seguenti punti:

  • “Fornaciari Carta”, via Cairoli;
  • “Il Gatto e la Volpe, via dei Peecchi;
  • “Il Baretto” piazza Cavour 1/2, sotto le logge del mercato;
  • “Underground”, via Battisti;
  • Pasticceria “Fauzia”, viale Margherita;
  • Banco “Solletico”, piazza Cavour 153, di fronte alla farmacia Tobino;
  • Bar-Ristorante “Cyrano”, largo Risorgimento 9, di fianco alla PAM;
  • Cittadella del Carnevale, presso la cittadella.

I punti di distribuzione svolgono questo servizio gratuitamente e ad essi va il più sincero ringraziamento da parte dei Carnevalari.

Previous Article
Next Article