Un nuovo “classico”

E’ ormai diventata un classico, il “100 case una via”  del terzo millennio, la canzone Vecchio Bozzone. Presentata al Festival di Burlamacco 2009 ha una storia particolare: fu eliminata nelle serate eliminatorie ed esclusa dalla finale. Poteva finire lì ma, come nei festival più prestigiosi, non sempre le giurie colgono l’anima di una canzone. Fu ripresa dal complesso “I Masnada” e riproposta durante le feste rionali: successo immediato che ormai la consolida come nuovo “classico”.

 

Vecchio Bozzone

musica di Francesco Toscano, parole di Lorenzo Manfredi e Antonio Salvati
canta Francesco Toscano

Com’eri bella mia spiaggetta, Chi ti riorda sai com’è
È difficile scordare ciò che porti via con te
Ho una canna bella pronta, il tuo posto so dov’è
Ho un amo in fondo al cuore ce l’hai messo proprio te
Guardo avanti vedo il mare ed è sempre un po’ più blu
Poi mi giro vedo il molo cara mia non ci sei più
Nella vita tutto cambia ed han cambiato anche te
Il silenzio che portavi ’un mi riordo più che è

Al muraglione puoi trovare sempre amore
Vecchio bozzone io ti lascio un po’ di  cuore
Al muraglione puoi trovare sempre amore
Vecchio bozzone io ti lascio un po’ di  cuore

Vedo un gozzo che rientra, è andata oppure no?
Una cassa di ciortoni, se  li voi io te li do
Ecco arriva da lontano seguo il volo di un  gabbiano
Che poesia quando l’azzurro si confonde con il blu
Non mi stanco di osservarti sullo scoglio me ne sto
Così bello e naturale sembri un quadro di Van Gogh
Il mare è bello, è di tutti per chi ha i soldi e per chi no
Cara bella mi’ Viareggio a che servino gli yacht?

Al muraglione puoi trovare sempre amore
Vecchio bozzone io ti lascio un po’ di  cuore
Al muraglione puoi trovare sempre amore
Vecchio bozzone io ti lascio un po’ di  cuore

Che fantastica visione, se ti guardo da quaggiù
Come sfondo le montagne, palcoscenico il mare blu
Io t’immagino sempre quella di un tempo che ormai fu
Un po’ anarchica, popolare senza smog ed autobus
E guardando la tu’ scritta, mi vien voglia di impreca’
Maledico quel destino, che un si può più evita’
È difficile lasciare questa splendida città
a Viareggio ci son nato ci vorrei anche crepa’

Al muraglione puoi trovare sempre amore
Vecchio bozzone io ti lascio un po’ di  cuore
Al muraglione puoi trovare sempre amore
Vecchio bozzone io ti lascio un po’ di  cuore

È già rosso questo cielo e si prepara a dormì
Mentre tu lasci il tuo sonno ed incominci a ribollì
Sono piccoli universi quelle macchine laggiù
Sono nidi di passione consumata in gioventù
Che sia carne o che sia amore non è lecito sape’
Tu li accogli a braccia aperte senza chiedere un perché
Eran timidi quei baci, ancora acerbi come età
Se si pensa ad un futuro, non si sa poi dove andrà…

Al muraglione puoi trovare sempre amore
Vecchio bozzone io ti lascio un po’ di  cuore
Al muraglione puoi trovare sempre amore
Vecchio bozzone io ti lascio un po’ di  cuore

Una luce in mezzo al mare e per me sai che cos’è?
È l’abbaglio di un riordo che mi riporta lì da te…

Previous Article
Next Article

Countdown Carnevale 2021

days
0
-2
hours
0
-3
minutes
-1
-6
seconds
0
-3

LA BANDIERA BURLAMACCA

IL QUADERNO DEI MASNADA

La pagina FB del Festival

Wiki Carnevale Viareggio